Strumenti utili per creare e scandire la routine

Aiutiamoli a fare da soli.
Maria Montessori

La routine è il frutto di azioni quotidiane che ripetute nel tempo ci offrono un’idea di stabilità, sicurezza e ci permettono di creare delle abitudini.
I bambini devono poter percepire la stabilità di una quotidianità fatta di impegni ed eventi precisi che si susseguono nel tempo.

Avere un’idea di cosa succederà domani e di cosa posso fare, mi permette di vivere con tranquillità perché sento di esercitare il controllo sulle mie esperienze.

In questo ci vengono in aiuto degli strumenti, facilmente reperibili o di semplice costruzione “fai da te” per aiutare il bambino a scandire il tempo, gli impegni ed i propri compiti.

In base all’età e allo sviluppo del tuo bambino puoi impostare un planning giornaliero, settimanale o mensile in cui vengono definiti diversi momenti della giornata, ad esempio il momento in cui i genitori lavorano e i bimbi possono giocare per conto loro, il momento in cui si può giocare tutti insieme, il momento della tv e i vari momenti delle attività quotidiane.
Per i bimbi più piccoli che non sanno ancora leggere, accompagnate il nome dell’attività con un disegno che possa essere associato all’attività stessa, così per condividere con loro questa “agenda” speciale.

È fondamentale che il bambino sia parte attiva nella compilazione giornaliera o settimanale del planner attraverso l’uso di immagini con velcro, mollette, immagini da incollare, uso di magneti: questo li renderà partecipi e protagonisti nella costruzione ed organizzazione del proprio tempo.

Tra i vari planning giornalieri o settimanali abbiamo:

  • tabella del giorno, numero, mese, anno;
  • tabella del tempo atmosferico;
  • tabella delle persone con cui sto al mattino, pomeriggio, sera (soprattutto in questo momento in cui i bambini più piccoli sono a casa, sapere se oggi sono dai nonni, con la mamma, con gli zii, … inoltre risulta molto importante soprattutto per la sera nella suddivisione di chi accompagna il bambino per la routine della nanna);
  • tabella dei buoni comportamenti;
  • tabella degli obiettivi;
  • tabella dei compiti: con scansione temporale (mi sveglio, lavo il viso, faccio colazione, mi vesto, mi lavo i denti, sistemo la camera, gioco, aiuto la mamma a preparare il pranzo…).

In merito ai compiti che i bambini possono svolgere per fascia d’età:

  • 2-3 ANNI: sistemare ed organizzare i giocattoli, annaffiare le piante, buttare le cose nella spazzatura, portare i propri vestiti nella propria camera, mangiare da solo, spazzare piccole aree, riempire i bicchiere, apparecchiare il tavolo con l’aiuto dell’adulto, impilare libri e riviste, …
  • 4-5 ANNI: vestirsi da solo, apparecchiare la tavola, andare in bagno da solo, lavare i piatti sotto supervisione, dare da mangiare al proprio animale domestico, scaricare la lavastoviglie, sistemare la spesa, usare l’aspirapolvere con l’aiuto dell’adulto, …
  • 6-7 ANNI: rifare il letto, preparare il proprio zaino, passare l’aspirapolvere, organizzare e riordinare la propria scrivania, spolverare i mobili, sparecchiare, …
  • 8-9 ANNI: lavarsi da solo, pulire i pavimenti, prendersi cura del proprio animale domestico, preparare la colazione, cucinare qualche piatto sotto supervisione, caricare la lavastoviglie, lavare i piatti, …
  • 10-11 ANNI: pulire la propria stanza, portare a spasso il cane, pulire il giardino, stendere la biancheria, prendersi cura di un fratello minore, …
  • 12+ ANNI: buttare la spazzatura, fare la spesa, cucire un bottone, pulire la cristalleria, …

Altra idea molto carina è l’orologio delle emozioni che aiuta nella creazione della routine.

Chiedersi come sto ad esempio al mattino e verbalizzarlo con i genitori, può aiutare l’adulto e dare indicazioni sul come porsi con il proprio figlio. Chiedersi come sto alla sera prima di andare a dormire aiuta il bambino a ripercorrere la propria giornata e a tirare le fila dell’andamento di questa, di poter chiarire se necessario con l’adulto alcune incomprensioni, fare tesoro di momenti di gioia, …

Vuoi saperne di più?

Scopri il mio studio e le mie attività, sarò lieta di rispondere alle tue domande e trovare il percorso più adatto a te.



Ultimi articoli

La teoria polivagale e l’educazione del bambino

Dobbiamo renderci conto del fatto che, come esseri umani, abbiamo bisogno della reciprocità e della sensazione di sicurezza. Stephen Porges ...

La Candelora

Quando viene la candelora da l’inverno semo fora; ma se piove o tira il vento da l’inverno semo dentro La ...

Mamma voce e tanti libri

Una mamma è una carezza che riempie il mondo d'amore Rinaldo Sidoli La festa della mamma è una ricorrenza che ...