Vacanze di Natale. Trascorrere un tempo di qualità con i nostri bambini

La cosa più preziosa che puoi ricevere da chi ami è il suo tempo.
Non sono le parole, non sono i fiori, i regali.
È il tempo.
Perché quello non torna indietro e quello che ha dato a te è solo tuo,
non importa se è stata un’ora o una vita.

David Grossman

Sono cominciate le giornate ricche di magia e festività, la gioia e l’emozione negli occhi dei nostri bambini, incontrare i parenti, lunghe cene e pranzi, tanti regali e frenesia… è cominciato un bel periodo in cui cambia la nostra quotidianità: si rimane a casa da scuola, da lavoro e si trascorre molto più tempo insieme, si può dormire di più al mattino, si va a letto un po’ più tardi, si fanno belle gite, si è meno di corsa…

È un tempo speciale fatto di ritmi più lenti, nuove routine da creare, un tempo che ci permette di assaporare il gusto dello stare in famiglia, e di sentire il profumo della cura che abbiamo l’uno per l’altro.

In questo periodo magico però alcune giornate a casa con i nostri bambini possono diventare veramente molto lunghe e difficili. Possiamo però trasformare con un po’ di organizzazione, delle giornate ricche di tensioni in giornate ricche di creatività, emozioni e soprese: nutriamo le nostre relazioni, la curiosità dei nostri bambini e perchè no, divertiamoci insieme a loro…

Il consiglio per questi giorni è proprio questo: donate tempo di qualità ai vostri figli e costruite insieme a loro dei ricordi che rimarranno indelebili nel loro cuore.

Di seguito vi lascio qualche idea di attività da poter fare insieme ai vostri bambini, ma attenzione! Non dobbiamo caricare le nostre giornate di cose da fare altrimenti riprenderemo la nostra quotidianità di Gennaio con maggior stanchezza. Si chiamano vacanze per il loro valore principale che è il riposo… Diamo spazio anche al “dolce far niente” ed alla noia, una noia che rilassa e che genera creatività e fantasia. Questo non deve significare però “parcheggiare” i bambini davanti a tv, tablet o cellulari! Significa dar la possibilità a loro di poter passare del tempo a giocare liberamente da soli, lasciarli liberi di osservarvi mentre fate qualcosa che può stuzzicare la loro curiosità, lasciarli liberi di scegliere un libro piuttosto di un altro.

Quando si fa un’attività insieme al proprio bambino anche la ricerca e l’organizzazione del materiale, il pensiero che sta dietro al “cosa facciamo” rispettoso dei desideri e dei bisogni del figlio è dimostrazione di affetto e cura. Quindi ponete attenzione anche a questo aspetto prima di cominciare… chiedetevi:

  • Cosa può piacere a mio figlio? Cosa può interessarlo? Posso fare qualcosa per ampliare la sua gamma di interessi?
  • Quale tecnica o materiale posso utilizzare? Posso coinvolgere il bambino nella ricerca del materiale in casa o nell’acquisto dell’occorrente?
  • Oggi come sta? Come lo vedo? Cosa posso proporgli? Gli propongo un’attività che so che può rilassarlo o posso spingerlo a fare qualcosina di più difficile?

Ricordate che ad ogni fascia di età corrispondono diverse attività da svolgere insieme ai genitori, che possono contribuire alle principali aree di sviluppo:

  1. area motoria
  2. area linguistica
  3. area socio-emotiva
  4. area cognitiva
  5. area dell’autonomia

Spesso vengono coinvolte più aree eseguendo una unica attività e facciamo un esempio:

1) ESEGUIRE UNA RICETTA: Decidiamo di fare una ricetta di una torta (a tal proposito vi cosiglio di vedere i libri come questo: “Mamma, cucino da solo! Preparare dolci deliziosi in autonomia secondo il metodo Montessori. Ediz. Illustrata” di Katia Casprini, Roberta Guidotti , RED edizioni, che propone ricette visive che bypassano il problema delle quantità utilizzando unità di misura come i vasetti di yogurt e avendo passaggio per passaggio la guida fotografica del cosa fare). Lavoriamo sull’area cognitiva allenandoci a contare le quantità, per l’area linguistica impariamo termini nuovi e specifici dell’ambiente della cucina (i nomi degli utensili, le azioni da compiere, ci alleniamo a formulare frasi semplici o complesse), per l’area motoria alleniamo la motricità fine, la coordinazione oculo manuale facendo i travasi, mescolando, impariamo l’utilizzo della forza nel rompere le uova ecc.. in questo c’è anche tutto l’aspetto di stimolazione sensoriale, sentire le diverse consistenze, i gusti, i profumi… Siamo anche nell’area socio-emotiva andando a lavorare nella relazione con l’adulto, la condivisione di uno spazio di lavoro, la cooperazione nell’esecuzione del compito, imparare a chiedere aiuto quando necessario. Nell’autonomia ci mettiamo l’autonomia personale nel lavarsi le mani da solo, vestirsi adeguatamente per potersi sporcare.

Ogni attività o gioco, così inteso, punta veramente a stimolare più aree del vostro bambino.

2) IL GIOCO DEL MIMO: Stasera invece di guardare la tv, giochiamo tutti insieme al gioco del mimo. Ognuno dovrà mimare solo con il corpo, senza parlare, un oggetto, un personaggio o un’azione e gli altri devono indovinare. Uno spunto può essere proprio il periodo natalizio, potete mimare: l’albero di natale, babbo natale, rudolph, un regalo, la stella cometa, sciare, cucinare, cantare, amore ecc…

3) FACCIAMO UN PIC-NIC IN SALOTTO: una serata di trasgressione. Di solito non si mangia in salotto ma stasera è diverso, possiamo fare un picnic insieme. Prepariamo tutto l’occorrente, magari cuciniamo o ci facciamo portare una pizza e dopo tanti cenoni con i parenti e amici, facciamo una cena speciale solo tra noi.

4) GUARDIAMO UN CARTONE/FILM DI NATALE/ PREPARANDO INSIEME I POPCORN: i popcorn fanno sempre magia, ad ogni età ed in ogni periodo dell’anno, farli insieme poi ancora di più. Avvolti dal profumino e dallo scoppiettio decidiamo senza litigare un film o cartone che ci trovi tutti più o meno d’accordo.

5) FACCIAMO UN GIOCO IN SCATOLA: Ce ne sono di molto belli e per ogni età. Magari possiamo rispolverare i vecchi giochi di mamma e papà o dei nonni: la dama, il gioco dell’oca, memory, domino … per passare ad uno, dobble, taboo, monopoli, le 10 famiglie, ecc…

6) DISEGNAMO L’ALBERO GENEALOGICO DELLA NOSTRA FAMIGLIA: Questa attività è molto bella perchè spinge il bambino a chiedere ai componenti della famiglia la loro storia. Potete costruire l’albero come un cartellone da appendere poi in casa, con le tecniche creative che vi piacciono di più.

7) UTILIZZIAMO IL MATERIALE A DISPOSIZIONE A CASA PER FARE DEI LAVORETTI DA CONSERVARE IN CASA O REGALARE: Possiamo creare una cornicetta per la foto della nostra famiglia, oppure dei biglietti da dare i nonni, dei segnaposti per le cene o pranzi in famiglia, ecc…

8) PRENDIAMOCI CURA DELLE PIANTE DELLA NOSTRA CASA/NEL NOSTRO GIARDINO: Possiamo innaffiare, togliere l’erba dove necessario, piantare un fiorellino e prendercene cura, cambiare i vasi… anche prendersi cura dell’ambiente è molto importante e pianteremo un piccolo semino di rispetto per la natura nei nostri bambini.

9) PRENDIAMOCI CURA DEL LUOGO IN CUI ABITIAMO: Eseguiamo insieme piccoli compiti di cura della casa: impariamo a fare il letto, svuotiamo la lavastoviglie, puliamo i vetri, passiamo l’aspirapolvere, stendiamo piccole cose con le mollette, pieghiamo le coperte del divano, buttiamo le cose sporche nel cesto delle cose da lavare, teniamo in ordine i nostri giochi e facciamo insieme una selezione… i giochi nuovi arrivati con il natale possono aiutarci nel mettere da parte qualche gioco vecchio, rotto, o che non usiamo più (less is more).

10) SCRIVI UNA LETTERA /FAI UN DISEGNO DA CONSEGNARE AD UN AMICO: le amicizie sono importanti e far sapere ai nostri amici che li abbiamo pensati in questo periodo di vacanze è un pensiero molto bello.

11) IL DIARIO DELLE VACANZE: Teniamo traccia del tempo che trascorriamo insieme costruendo un diario delle nostre giornate. Possiamo mettere foto, disegni, biglietti-scontrini-volantini di luoghi dove siamo andati.

12) IL GIOCO DELLE OMBRE: con una piletta al buio giochiamo alle ombre con le mani, oppure costruiamo delle sagome nere da far riflettere nel soffitto della nostra camera.

13) “PASTROCCIAMO” UN PO’: Giochiamo con consistenze diverse: sabbia, farina, sabbia cinetica, dido, pongo, dash, semi, ceci e lenticchie secche, pasta di sale, pasta al miele… Creiamo una scatola dove possiamo proporre dei materiali dalle caratteristiche sensoriali più diverse possibili: possiamo usare la terra bagnata, la terra asciutta, la sabbia asciutta e bagnata, la schiuma da barba, possiamo creare la neve finta, l’acqua calda e fredda.. e sbizzarritevi con olii profumati, fiori e frutta da poter annusare ed assaggiare… Ogni tanto ci si può anche sporcare un po’!

14) SCOPRIAMO IL NOSTRO PAESE: Ognuno di noi vive in un paese che nasconde tanti tesori, ma spesso la quotidianità non ci permette di vederli. Sfruttiamo le belle giornate per fare passeggiate in paese e scoprire scorci nascosti, case particolari, resti storici, attività commerciali che non sapevamo esistessero.. Possiamo organizzare una vera e propria caccia al tesoro: alla ricerca dei colori oppure fare delle foto di particolari del paese che il bambino deve cercare. Possiamo creare la mappa del nostro comune: le attività per me più importanti e cosa si fa al loro interno (es. PANIFICIO, si trova vicino alla chiesa, qui posso comprare il pane, le fette al latte ed il formaggio. Qui incontro Lino il proprietario sorridente che trovo dietro al bancone).

15) COM’E’ TRASCORSO L’ANNO E DI BUONI PROPOSITI PER L’ANNO NUOVO: Ricordare tutti insieme con l’aiuto di alcune foto i bei momenti trascorsi insieme quest’anno che sta per finire ed insieme stiliamo un lista di buoni propositi o sogni da realizzare per il nuovo anno (che esperienze vorrei fare? Che luoghi visitare? Mi impegno con la mia famiglia a fare un piccolo compito?).

16) MUSICA MUSICA MUSICA: cantate, suonate, e ballate con i vostri bambini.. la musica ha un’infinità di potenzialità utili a voi ed ai vostri bambini… quindi non dimenticatevi mai della musica: ballate in salotto sui video di youtube, fate karaoke, costruite strumenti musicali con i materiali a disposizione che avete in casa, inventate canzoncine semplici solo vostre, fate attenzione ai suoni che vi circondano: il tic tac dell’orologio, l’uccellino fuori dalla finestra che mi sveglia al mattino, le campane della chiesa, il battito del cuore della mamma e del papà. Se credete di essere stonati o di non saper ballare non importa: siete a casa vostra e la regola è nessun giudizio, la casa è il luogo dove ognuno può essere sè stesso senza paura.

17) BLA BLA BLA E’ ORA DI PARLARE: Utilizzando diversi tipi di attività fai parlare il tuo bambino e allenalo ad imparare termini nuovi e a fare frasi semplici o complesse. Descrivere una foto, raccontare ed inventare una storia con dei bolloni disegnati con immagini, raccontare cos’è successo in giornata, ritagliare paroline dai giornali o fare un collage con le foto per poi raccontare cosa volevo creare.

18) COM’E’ ANDATA LA TUA GIORNATA? Allenatevi a raccontarvi com’è trascorsa la vostra giornata ponendo l’attenzione sul come sto, come mi sono sentito, che emozioni ho provato… e partite voi genitori a raccontarvi “oggi sai, mi sono molto arrabbiata quando è successa questa cosa, ma poi ho fatto così e la rabbia è andata via”. Se saremo esempio per i nostri bambini li aiuteremo ad interiorizzare un vocabolario sulle emozioni e a dare strategie per gestire questi stati emotivi che ci troviamo a provare anche noi.

19) FACCIAMO LA SPESA: pensate che non sia una attività fare la spesa? e invece fare la spesa è una attività molto gradita dai bambini e che potete pensare a misura del vostro bambino. Per i bambini dai 4 anni, ci sono i supermercati con i carrellini piccoli, armate i vostri bimbi con una lista della spesa visiva (foto dei prodotti da comprare, massimo 5 o 6) da cercare e mettere nel carrello. Più andiamo su con l’età e più possiamo aumentare il grado di difficoltà: leggere la lista della spesa, pagare, chiedere al bancone 1 etto di formaggio utilizzando “buongiorno, grazie, scusi, buona giornata, buon lavoro, arrivederci”. Ovviamente tutti passaggi da fare al vostro fianco.

20) LAVORIAMO SULLE AUTONOMIE PERSONALI: lavarsi le mani, vestirsi, lavarsi i denti, il viso, fare la doccia, fare il bidet, allacciare le scarpe, tirare su la zip. Tutte cose che non abbiamo mail il tempo di curare bene per la fretta e le corse di andare a lavoro, prepararsi per l’asilo o la scuola. Questi giorni potete lavorare anche su questo. Come? con la pratica, facendo da modello, dando aiuti che poi via via diminuiscono.

Ah quasi dimeticavo… nessuna di queste attività vale se voi non siete i primi a mettervi in gioco, i primi a cantare a squarciagola, pastrocciare, ballare, ridere ecc… i primi a voler davvero trascorrere un tempo di qualità con i vostri bambini… e cosa credete che gli rimarrà poi nel cuore di vostri piccoli se non vedere i genitori divertirsi e stare bene insieme a loro?

Non dimentichiamoci però le regole!! Siete i genitori e non dei pari quindi a voi il compito di far rispettare le regole della vostra casa ai vostri bambini. Il chenon significa essere seri e corrucciati ma se tutti rispettiamo le regole ci divertiamo tutti di più!

Buone vacanze!!

Vuoi saperne di più?

Scopri il mio studio e le mie attività, sarò lieta di rispondere alle tue domande e trovare il percorso più adatto a te.



Ultimi articoli

La teoria polivagale e l’educazione del bambino

Dobbiamo renderci conto del fatto che, come esseri umani, abbiamo bisogno della reciprocità e della sensazione di sicurezza. Stephen Porges ...

La Candelora

Quando viene la candelora da l’inverno semo fora; ma se piove o tira il vento da l’inverno semo dentro La ...

Mamma voce e tanti libri

Una mamma è una carezza che riempie il mondo d'amore Rinaldo Sidoli La festa della mamma è una ricorrenza che ...